L'energia del giallo, la calma dell'azzurro, la tranquillità del verde. I colori appartengono alla nostra vita, sono in grado di accendere emozioni e orientare le nostre scelte giocando un ruolo importantissimo anche nel nostro modo di nutrirci.

Lo sanno bene gli esperti del marketing che utilizzano i colori per stimolare gli acquisti facendo leva sulle emozioni suscitate.

La cromoterapia, che significa appunto terapia dei colori, si fonda infatti su reazioni che il nostro corpo attua in relazione a colori specifici. Di origini antichissime, sembra che già gli Egizi aggiungessero polveri colorate alle medicine per potenziarne gli effetti. La psicologia del colore si è poi sviluppata proprio perché i colori sono in grado di stimolare il cervello innescando particolari stati d'animo. Ogni colore ha quindi un significato differente:

il blu ha un effetto calmante, è associato alla spiritualità e alla produttività in ambito economico;
il rosso è energico, associato all'amore, al fuoco, stimola la forza e l'attività vitale, attira l'attenzione e sostiene l'impulsività;
il giallo è il colore della gioia ed è associato alla parte intellettuale della nostra mente, luminoso e leggero, simboleggia anche il cambiamento;
l'arancione, unione di giallo e rosso, simboleggia la trasformazione ed è associato alla pace interiore;
il viola unisce rosso e blu, impulsività e calma, è il colore della fiducia, dell'ispirazione;
il verde, che è il colore della natura, ricorda la tranquillità, la speranza ed è associato all'equilibrio.

I colori nel piatto

La forza dei colori emerge anche nei cibi che mettiamo nel piatto, sia da un punto di vista puramente estetico, dato che portate cibi colorati e ben presentati trasmettono sempre sensazioni piacevoli, ma anche per le componenti nutrizionali che caratterizzano i cibi di diversi colori, tanto che sono state elaborate anche delle diete basate sui colori. La scienza ci presenta proprietà specifiche degli alimenti legate al loro colore di base: rosso, giallo o arancione, verde, bianco e blu o viola.

I cibi rossi come pomodori, peperoni, ciliegie, fragole, melograni hanno proprietà antiossidanti, prevengono le patologie cardiache e hanno un alto contenuto di vitamina C. Quelli gialli o arancioni come albicocche, zucche, carote e agrumi sono ricchi di flavonoidi e di beta-carotene, che migliora le difese immunitarie. Il verde di spinaci, lattughe, prezzemolo, broccoli contiene molta clorofilla e magnesio ed è caratteristico di alimenti che proteggono l'organismo contro i tumori, migliorano la pelle, la vista e la pressione del sangue. I cibi prevalentemente bianchi come l'aglio, le banane, i cavolfiori o i finocchi sono ricchi di isotiocianati, che prevengono l'invecchiamento delle cellule. Infine il blu o viola, colore che predomina in melanzane, fichi, frutti di bosco, uva nera e radicchio, indica cibi capaci di proteggere la vista, utili nella prevenzione delle patologie cardiovascolari e per un buon funzionamento della circolazione sanguigna e ricchi di fibre e di carotenoidi, che aiutano l'invecchiamento cutaneo.

Prima ancora del gusto i sensi che entrano in gioco al ristorante quando viene portato il piatto scelto sono l'olfatto e la vista, e tra i due quest'ultima è certamente la più importante, con un forte impatto psicologico. Come giocare allora con i colori nel piatto? Ecco la nostra "Guancia di fassona con patata, cavolfiore viola ed estratto di rapa rossa": una vera e propria tavolozza ma dal sapore UNICO!

img mangiare colori

 

Ti aspettiamo!

UNICO, Via del Sabbione, 15122 Valmadonna (AL).

Cucina tipica, pizza gourmet e carne alla brace a pochi minuti da Alessandria e Valenza.

Siamo aperti dal martedì al sabato a cena e la domenica a pranzo e a cena.